Il silenzio, compagno di viaggio

Tempo fa avevo letto da qualche parte questo bel pensiero, che mi ero annotato.

Poi, quando qualche giorno fa mi sono trovato a passeggiare tra le vestigia romane di Lucus Feroniae, le parole mi sono ritornate alla mente:

«Il silenzio è il migliore compagno di viaggio per chi si aggira tra le rovine di una città dissepolta, di un antico santuario sperduto tra le montagne, di una fortezza millenaria arroccata su uno sperone in mezzo al deserto. Allora le testimonianze del passato “ci parlano” attraverso il colore delle pietre, delle forme, della materia. Recepiamo il loro messaggio con lo sguardo, attraverso un’esperienza estetica (percettiva cioè) da cui il suono sembra essere, a una prima impressione, escluso».

27545113_10156089689419464_149147041469111753_n

(Angelo Coccaro)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: